Blog > IMPARO A GATTONARE NEL MONDO

IMPARO A GATTONARE NEL MONDO

Più vado avanti, più mi rendo conto quanto la società ci voglia prestanti, non solo riguardo gli adulti, ma anche i bambini.
Come se ogni persona abbia delle tappe da rispettare, delle tabelle di marcia uguali per tutti, senza badare ai tempi di nessuno.
Come delle pecorelle, i genitori imbarazzati ed insicuri, seguono le indicazioni del pediatra che vuole svezzare tuo figlio a tre mesi, quando a malapena gli si tiene su la testa.
Poi ci sono le visite di controllo, nel caso non cammina entro l’anno
o controlli psichiatrici nel caso il bambino non riesca ad abbandonare il pannolino nei primi quattro anni di età.
Ma chi realmente siamo per poter “parametrare” le tempistiche di un essere umano?
Chi siamo per poter quantificare e catalogare I suoi sentimenti, le sue difficoltà, i suoi tempi di percezione?
Non è forse così, sforzando i tempi di ogni creatura che ci porta a seminare il senso di inadeguatezza verso il mondo?
Creando e generando rabbia e sofferenza, solamente perché eravamo in quello step indietro rispetto agli altri?
Siamo così tutti impegnati ad omologarci che perdiamo il senso di noi stessi.
Il lavoro non sta solamente nel karma dell’individuo, ma anche nel lavoro di ogni genitore di sostenere il proprio figlio in ogni tipo di situazione che vi si crea.
Barbara Ceccato - P.I. 12415430961

Privacy and Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per garantire una migliore esperienza di navigazione. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.
OK