Blog > Come si distingue ciò che non è tuo da ciò che lo è?

Come si distingue ciò che non è tuo da ciò che lo è?

Questa domanda mi viene fatta spesso e devo dire che la risposta ha due essenziali soluzioni:
La prima è la conoscenza profonda di sè stessi, l’altra è la Fede.
 
E spesso vero, chè ciò che attraiamo, le persone che abbiamo attorno, risuonano alla nostra stessa frequenza
vale a dire, che se mai sentissimo una tristezza, un ansia o uno strano bisogno di voler fumare(anche quando hai smesso), probabilmente è perché
hai ancora dei ricordi che si “agganciano” a questi pensieri a queste emozioni che non sono più tue MA SE NON LE SAI GESTIRE DIVENTANO TUE e le te porti a casa.
 
L’empatia esiste sia nel mondo visibile che in quello invisibile
E per questo che bisogna apprendere come tutelarsi in una soluzione pensata strettamente sulla persona.
Perché spesso il credo, la preghiera o l’idea di un Santo, semplicemente non ci risuona, quindi non ci può tutelare.
 
Cosa risuona dentro di te?
Chi sei?
Qual’è la connessione di un immagine che ti spalanca il cuore e ti consente di dire a te stessa “Tu vali”
Ecco com’è strutturato il mio cammino
 
Ci saranno momenti di gioia, momenti di lacrime
momenti in cui penserai che tutto è una tavanata
Ma tu SEI
e dal momento in cui tu SAI DI ESISTERE
sai anche quanto VALI.
 
𝑅𝑖𝑐𝑜𝑟𝑑𝑜 𝑎𝑛𝑐𝑜𝑟𝑎 𝑞𝑢𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑎𝑖 𝑚𝑖𝑒𝑖 20 𝑎𝑛𝑛𝑖, 𝑢𝑛 𝑚𝑖𝑜 𝑐𝑎𝑟𝑜 𝑎𝑚𝑖𝑐𝑜 𝑚𝑖 𝑝𝑜𝑟𝑡𝑜̀ 𝑝𝑒𝑟 𝑙𝑎 𝑝𝑟𝑖𝑚𝑎 𝑣𝑜𝑙𝑡𝑎 𝑎𝑙 𝑐𝑒𝑛𝑡𝑟𝑜 𝑆𝑒𝑛𝑡𝑖𝑒𝑟𝑖 𝐷𝑒𝑙𝑙𝑜 𝑆𝑝𝑖𝑟𝑖𝑡𝑜.
𝐷𝑢𝑟𝑎𝑛𝑡𝑒 𝑢𝑛𝑎 𝑐𝑜𝑛𝑓𝑒𝑟𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑖𝑛𝑖𝑧𝑖𝑎𝑖 𝑎 𝑝𝑖𝑎𝑛𝑔𝑒𝑟𝑒 𝑠𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑚𝑜𝑡𝑖𝑣𝑜, 𝑚𝑒𝑛𝑡𝑟𝑒 𝑢𝑛𝑎 𝑚𝑒𝑑𝑖𝑢𝑚 𝑠𝑡𝑎𝑣𝑎 𝑐𝑎𝑛𝑎𝑙𝑖𝑧𝑧𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑢𝑛 𝑑𝑖𝑠𝑖𝑛𝑐𝑎𝑟𝑛𝑎𝑡𝑜.
𝑈𝑛𝑎 𝑐𝑎𝑟𝑎 𝑎𝑚𝑖𝑐𝑎 𝑚𝑖 𝑠𝑖 𝑎𝑣𝑣𝑖𝑐𝑖𝑛𝑜̀ 𝑒 𝑚𝑖 𝑑𝑖𝑠𝑠𝑒 “𝑠𝑖𝑎𝑚𝑜 𝑡𝑢𝑡𝑡𝑖 𝑝𝑖𝑢̀ 𝑜 𝑚𝑒𝑛𝑜 𝑠𝑒𝑛𝑠𝑖𝑏𝑖𝑙𝑖 𝐵𝑎𝑟𝑏𝑎𝑟𝑎, 𝑡𝑢 𝑙𝑜 𝑠𝑒𝑖 𝑚𝑜𝑙𝑡𝑜”
𝑆𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑎𝑛𝑐𝑜𝑟𝑎 𝑢𝑛 𝑒𝑚𝑜𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑓𝑜𝑟𝑡𝑖𝑠𝑠𝑖𝑚𝑎 𝑞𝑢𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑟𝑖𝑐𝑜𝑟𝑑𝑜 𝑞𝑢𝑒𝑙𝑙’𝑒𝑣𝑒𝑛𝑡𝑜, 𝑒̀ 𝑠𝑡𝑎𝑡𝑜 𝑙𝑖̀ 𝑐ℎ𝑒 ℎ𝑜 𝑐𝑜𝑚𝑝𝑟𝑒𝑠𝑜 𝑐ℎ𝑒 𝑒𝑠𝑖𝑠𝑡𝑒𝑣𝑎 𝑎𝑛𝑐ℎ𝑒 “𝑎𝑙𝑡𝑟𝑜” 𝑒 𝑐ℎ𝑒 𝑙𝑜 𝑠𝑒𝑛𝑡𝑖𝑣𝑜.
 
Mi faceva paura, molta paura, ma poi ho compreso che quel timore, non era altro che uno specchio di me stessa che si riconosceva dentro il dolore degli altri, al punto in cui ho iniziato a dire “basta” la mia vita
finalmente è cambiata.
E se quello che scrivo ti risuona, ti ha fatto cadere una lacrimuccia sul viso o ti ha fatto stringere la gola
𝗧𝗶 𝘃𝗼𝗴𝗹𝗶𝗼 𝗱𝗶𝗿𝗲 𝗰𝗵𝗲 𝗻𝗼𝗻 𝘀𝗲𝗶 𝘀𝗼𝗹𝗮.
Siamo tutti nati sensibili, sta a noi iniziare a decidere quando utilizzare questa dote e farla esplodere d’amore e quando spegnerla perché ci fa troppo male.
Barbara Ceccato - P.I. 12415430961

Privacy and Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per garantire una migliore esperienza di navigazione. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.
OK